[dropcap type=”3″]M[/dropcap]i sono fatto un regalo. Dandomi anche una mattonata sui santissimi, visto che il regalo in questione è una guida di Londra e io a Londra non solo non ci abito, ma è anche un po’ che non ci vado e non ho (avevo?) in previsione di andarci. London Heritage Pubs: an inside story è però qualcosa che va oltre il concetto di guida. E’ un Virgilio che ci guida in un mondo di sconfinato fascino, quello dei pub storici inglesi.
Come potevo resistere?

[quote_right]Un mondo di sconfinato fascino, fra stucchi, intarsi e “real ales”[/quote_right]

D’altronde, come non restare affascinati dalle enormi botti del Cittie of Yorke, dagli stucchi rossi che istoriano il soffitto dell’Argyll Arms, dall’eleganza dei legni intagliati e dei vetri istoriati del Prince Alfred o dalla sontuosità del Salisbury?

london_heritage_pubScritto a quattro mani da due esperti di architettura vittoriana, questo non è il classico bignami da viaggio che indica dove andare a farsi due pinte: tutt’altro, è un prontuario che intende salvaguardare i pub che conservano ancora interni storici, alcuni dei quali veramente bellissimi. Certo, essendo edito dal CAMRA non si potevano evitare le indicazioni se la birra è buona o no.
Ma l’idea è: sfogliatelo, trovate un pub che vi piace e visitatelo, respirate l’atmosfera del vero pub antico e a quel punto una pinta di real ale sarà qualcosa di automatico. Birra come “conseguenza”.

La selezione comprende circa 150 public house sui 5.500 che Londra conta, divisi per quartieri, con tanto di mappina e ricchissimo corredo fotografico. Pochi sono famosi, molti sono piccole perle nascoste – anche se in centro.
Sono tanti ma sono relativamente pochi; occorre tenere a mente che il pub è un’invenzione ottocentesca – vittoriana per la precisione – ed è molto raro di trovarne di antichi, non solo a causa del Grande Incendio, ma soprattutto perché essendo in fin dei conti un luogo di ritrovo la maggior parte ha subito piccole e grandi ristrutturazioni nei decenni. Quindi magari un pub, inteso in senso edilizio come “le quattro mura”, è vecchissimo, ma ciò che potete vedere è invece moderno (pezzi di pub seicentesco resistono solo nell’Olde Cheshire Cheese e nel George, mentre il pub integro più vecchio è il Victoria, del 1864). Da qui la necessità di preservare quello che ne resta (e c’è infatti un National Inventory preposto alla questione).

hr1

I dieci pub più belli di Londra

1) Princess Louise

Forse il meglio conservato, uno scrigno di mosaici e vetri del 1891.  Bellissimo bancone in mogano e scenografici i bagni – considerati i più belli d’Inghilterra

208 High Holborn, London [mappa]
metro: Holborn
Princess Louise - img credits: Roger Quayle (Flickr)
Princess Louise – img credits: Roger Quayle (Flickr)

hr1

2) Salisbury

Straordinario e enorme: mosaici, pareti rosso pompeiano, fughe di corridoi, tre bar e banconi in mogano. Cosa chiedere di più?

1 Grand Parade, Green Lanes, London [mappa]
metro: Turnpike Lane 
salisbury_londra_pub
Salisbury

hr1

3) Cittie of Yorke

Risalente al 1923-24, tutto legno in stile neo-Tudor. Con una sala retrostante con travi e botti a vista, scenograficissima

22 High Holborn, London [mappa]
metro: Holborn 
Cittie of Yorke - img credits: beerlens.com
Cittie of Yorke – img credits: beerlens.com

hr1

4) Prince Alfred 

Intatto e con splendide paratie in noce decorato. Dà l’idea di come erano i pub di inizio ‘900, cioè divisi in piccole aree autonome, con tanto di ingresso riservato

5a Formosa Street, London [mappa]
metro: Warwick Avenue
Prince_alfred_pub_londra
Prince Alfred – img credits: hklovebites.com

hr1

5) The Queens

Il gemello art nouveau del Salisbury. Splendidi gli stucchi e bancone originale (1899-1902)

26 Broadway Parade, London [mappa]
treno: Hornsey

The Queens

The Queens

hr1

6) Argyll Arms

Col classico soffitto in stucchi rossi, e ancora i divisori “di classe” in legno e vetro decorato (1895). Sul retro è sopravvissuto anche il piccolo manager office, l’ufficio, uno dei tredici integri che rimangono in tutta l’Inghilterra.

18 Argyll Street, London [mappa]
metro: Oxford Circus
Argyll Arms - img credits: todolondres.com
Argyll Arms – img credits: todolondres.com

hr1

7) Black Friar

Bellissimo e particolare, completamente ricoperto di bassorilievi, marmi e alabastri del 1905

174 Queen Victoria Street, London [mappa]
U: Blackfirars
blackfriar_pub_londra
Black Friar – img credits: www.bdonline.co.uk

hr1

8) St. Stephen’s Tavern

Risalente agli ultimi decenni dell’800, è stato accuratamente restaurato una decina d’anni fa. Essendo proprio sotto il Big Ben è piuttosto affollato.

10 Bridge Street, Westminster [mappa]
metro: Westminster
St Stephen's Tavern - img credits pub-explorer.com
St Stephen’s Tavern – img credits pub-explorer.com

hr1

9) Paxtons Head

Del 1900-02, splendidi vetri e specchi incisi

153 Knightsbridge, London [mappa]
metro: Knightsbridge
Paxton's Head - img credits: ronsaari.com
Paxton’s Head – img credits: ronsaari.com

hr1

10) Jamaica Wine House

Costruito nel 1864 sul posto del primo caffè londinese (1654), conserva ancora i divisori in mogano – che un tempo si collegavano al bancone dividendo il pub in piccole celle distinte, ognuna col suo soffitto decorato

St Michaels Alley, Cornhill, London [mappa]
metro: Bank
Jamaica Wine House - img credits: walking-uk.com
Jamaica Wine House – img credits: walking-uk.com

hr1

Non finisce qui: altri dieci pub da non perdere

 

warrington_1

The Warrington

Archi, scaloni, un bancone sontuoso. E ora un padrone con tre stelle Michelin, Gordon Ramsay


assemblyhouse-front

Assembly House

L’austera eleganza di primissimo Novecento


ten_bells_pub_londra

Ten Bells

Un po’ rimaneggiato, ma con un intero muro di piastrelle datate 1900


Denmark Arms

Un altro piccolo gioiellino d’inizio Novecento


roundhouse_pub_londra

Roundhouse

Decisamente particolare: una costruzione ovale del 1936, tra art-deco e razionalismo, pensato come “centro divertimenti” per i nuovi quartieri d’espansione. Solo per architetti curiosi. A Dagenham


red_lion_pub_londra2

Red Lion

Vetri istoriati e le piccole dimensioni ottocentesche


Forester_londra_pub

Forester 

In stile eduardiano, più sobrio rispetto al vittoriano. Tutto l’edificio è del 1909


eastbrook_londra_pub

Eastbrook

Una costruzione stand-alone: sobrio, vasto ed elegante, rimasto pressoché intatto dal 1936


the_falcon_pub_londra

 Falcon

Tanto tanto legno in questo locale di fine ‘800 con un bancone lunghissimo


 

Ye-old-cheshire-cheese-pub_londra

Ye Olde Cheshire Cheese

Non sarà il più bello ma è il più antico, con alcune parti risalenti alla ricostruzione del dopo- incendio

CONDIVIDI
44 anni, doppio papà, si occupa da aaaaanni di comunicazione web. Genovese all’anagrafe ma in realtà di solide origini senesi, ha sposato una fiamminga francese creando così un incasinato cortocircuito di tradizioni enogastronomiche

3 Commenti

Comments are closed.