Settembre, tempo di Oktoberfest Genova

Oktoberfest_genova
Davide Pambianchi – Freaklance.net

Tra genovesi e bavaresi ce ne corre, ma una cosa in comune da qualche anno c’è: l’Oktoberfest. Che a Monaco è evento mondiale e attesissimo, a Genova non sarà evento mondiale – resta comunque l’unica manifestazione riconosciuta dalle autorità tedesche fuori dai confini della Germania – ma di sicuro è altrettanto atteso. Lo certificano le cifre: 83mila presenze l’anno passato, con quasi settemila persone venute apposta da fuori.

Quest’anno l’Oktoberfest genovese dura una settimana di più – vi risparmiamo le polemiche sorte sulla cosa – da giovedì 3 a domenica 20 settembre, sempre in Piazza della Vittoria.
Le strutture coperte saranno due, il grande tendone dove sarà possibile mangiare e un altro più ridotto, che rappresenterà l’area eventi della manifestazione, dove si alterneranno appuntamenti per tutte le età.

La birra sarà l’Hofbräu Oktoberfestbier in anteprima, la stessa che verrà servita alla festa di Monaco, rigorosamente nel mass da litro (9,50 €, con una cauzione di 5 € che viene restituita alla consegna del boccale): solo a pranzo sarà servito il boccale da mezzo litro. Ci sarà anche una versione senza alcol e una per celiaci.

Davide Pambianchi - Freaklance.net
Davide Pambianchi – Freaklance.net

La cucina è come da tradizione tedesca: stinchi, crauti, bretzel e wurstel a profusione, così come non mancheranno le note delle orchestrine bavaresi (e il classico “Ein prosit”). Per tutta la durata della manifestazione l’orario di apertura del tendone gastronomico sarà dalle 17.30 alle 02 dal lunedì al venerdì, mentre il sabato e la domenica sarà possibile anche pranzare con l’apertura anticipata alle 12.

Novità di questo 2015 il tradizionale Maibaum, l’altissimo albero della Cuccagna bavarese, decorato con i colori tipici della Baviera e con le figure in ferro battuto. Nel grande tendone inoltre 7 giorni su 7 sarà aperto un Kindergarten, un’area dove pote rfar divertire i bambini: durante il weekend sono previsti anche laboratori per bimbi, dalle 15 alle 18.

Altra novità di quest’anno è l’attivazione di convenzioni con taxi e treni, nell’ottica del Bere Responsabilmente: sarà predisposto un “Punto Accoglienza Oktoberfest” dove si potrà chiamare la vettura e usufruire di una riduzione del 10% sul prezzo della corsa per il ritorno a casa. Chi invece viene da fuori e si presenta all’Oktoberfest con il biglietto Trenitalia vidimato avrà uno sconto del 15% sul bere.

Sono millemila gli eventi collaterali, dal mercatino bavarese al Fuoritendone, passando dagli aperitivi con DJ Set: il consiglio è informarvi giorno per giorno andando sul sito ufficiale o scaricando la app Fuoritendone #OkGe.

Oktoberfest Genova: Alessio Balbi
Oktoberfest Genova: Alessio Balbi

Il tutto come al solito è farina del sacco di Alessio Balbi, patròn dell’HB genovese e uomo che noi papilli stimiamo oltremodo: «Anche quest’anno la manifestazione richiede uno sforzo economico pesante tutto il programma, compreso il coinvolgimento delle attività del Fuoritendone, è esclusivamente a carico dei soggetti organizzatori. Tutto ciò viene fatto perché guardiamo all’Oktoberfest come a un evento capace di generare lavoro e divertimento in una città difficile, un’occasione di rilancio che speriamo vivamente le istituzioni sappiano riconoscere e valorizzare».

Stiamo dimenticando qualcosa? Sì, che quest’anno ci siamo anche noi di PapilleClandestine. Abbiamo collaborato con Alessio nella selezione di una manciata di ristoratori genovesi, che offriranno un piccolo finger nell’area riservata e racconteranno la loro cucina ai golosi curiosi. Ecco il calendario:

Domenica 6: Trattoria dell’Acciughetta
Lunedì 7: Ostaia de’ Banchi
Mercoledì 9: Rossocarne
Venerdì 11: Trattoria Rosmarino
Sabato 12: The Cook
Domenica 13: Kowalski
Lunedì 14: Voltalacarta
Mercoledì 16: Le Rune

Vi aspettiamo! Ein prosit!

VIADavide Pambianchi
CONDIVIDI
PapilleClandestine
Blog di panza e sostanza. Uni e trini, come quell'altro più famoso (per ora): con Alessandro Ricci, Daniele Miggino e Giulio Nepi. Si parla e si cazzeggia su minuzie gastropiacevoli quali cibo, vino, birra, mondo