Bere le birre buone: corso papillo e clandestino

da | Ott 7, 2014

Sei serate papille, in compagnia di grandi birre, alla scoperta di alta e bassa fermentazione, stili birrai, luppoli e malti. Insomma, signori e signore, siamo lieti e fieri di annunciarvi la prossima partenza del Corso papillo di degustazione della birra, con tanto di timbro ufficiale con la lingua arancione.

Si parte lunedì 20 ottobre, e ci vedremo tutti i successivi lunedì sera, seguendo un programma che prevede sei birre per lezione spiegate da docenti bravissimi, una visita in un birrificio e la sontuosa cena finale affidata alla bravura di Maurizio Pinto di Voltalacarta.
Un viaggio in cinque nazioni birraie e in altrettanti locali genovesi, perché abbiamo pensato a un ciclo itinerante: è inutile bere birra dalla California se non si conoscono i pub sotto casa.

Il tutto viene via a 150 € onnicomprensivi: birre, lezioni e cena finale. La cena sarà poi un evento papillo aperto a tutti, in modo da far festa con mogli, mariti, fidanzate, amanti (per i non iscritti, si pagano 40 € tuttoincluso).

Il massimo contingentato di partecipanti è di 20 posti, ma ne restano davvero pochini. Qui potete acquistare la partecipazione: ed è sold out.

Ecco il programma con date, docenti, luoghi e birre. Il numerino accanto è il punteggio su Ratebeer in centesimi, che non è la bibbia dell’affidabilità ma dà più o meno l’idea.
Ovviamente ci potrà essere ancora qualche piccola modifica, ma il quadro è questo.

Chi non partecipa è un pisquano.

lunedì 20 ottobre, ore 21
Simone Cantoni – Docente Slow Food, Unionbirrai Beer Taster, Giudice Birra dell’Anno
PREAMBOLO E TECNICHE DI DEGUSTAZIONE
@ I Troeggi, via Chiabrera, Genova 

  • Birrificio del Ducato, via Aemilia (I) – kellerbier, 75
  • La Trappe, Quadrupel (NL) – abt/quadrupel, 99
  • Midtfyns Imperial Stout (DK) – imperial stout, 99
  • Schneider Weisse, Tap 7 (D) – weizen, 95
  • Firestone Walker, Union Jack Ipa (USA) –  ipa, 92
  • Shepherd’s Neame, Double stout (GB) – stout, 93

 

lunedì 27 ottobre, ore 21
Fausto Marenco– Birraio di Maltus Faber
LE BIRRE BELGHE
@ Birrificio Maltus Faber, Genova Fegino

  • Dupont, Saison – saison, 99
  • Achel, Blonde Extra- tripel (trappista), 94
  • St. Bernardus, Prior 8 – dubbel, 99
  • Struise, Pannepot 2006 – belgian strong ale, 100
  • Girardin, Gueuze Black Label – gueuze, 100
  • Van Eecke, Poperings Hommelbier – belgian ale, 92

 

lunedì 3 novembre, ore 21
Luca “Giacu” Giaccone – Curatore della Guida alle Birre d’Italia di Slow Food
LE BIRRE ITALIANE
@ Kamun Lab, via San Bernardo, Genova 

  • Maltus Faber, Extra brune – belgian strong ale, 98
  • Birifficio Italiano, Tipopils – pilsener, 97
  • Montegioco, Open Mind – sour ale, 56
  • Birra del Borgo, Reale – ipa, 94
  • Mc77, Mild the gap – mild
  • Scarampola, Nivura – spice ale, 35

 

lunedì 10 novembre, ore 21
Alessandro Meroni – Selezionatore sezione italiana al Great British Beer Festival di Londra, Homebrewer
LE BIRRE INGLESI E AMERICANE
@ Molly Malone’s, via dei Reggio, Genova Multedo

  • The Kernel, Export Stout London 1890 (GB) – stout, 99
  • Moor Beer, Revival (GB) – bitter, 90
  • Burton Bridge, Empire Ipa (GB) – ipa, 92
  • Sierra Nevada, Pale Ale (USA) – apa, 96
  • Ilkley, Black (GB) – mild, 71
  • Anchor, Steam Beer (USA) – steam, 81

 

lunedì 17 novembre, ore 21
Sandro Merlano – Patròn di Birra Pasturana e papà della Confraternita della Grande Schiuma
LE BIRRE TEDESCHE
@ Hofbrauhaus Genova, via Boccardo, Genova

  • Birre in corso di definizione

 

giovedì 27 novembre, ore 19.30
Luigi “Schigi” D’Amelio – Birraio di Extraomnes, Birraio dell’Anno Unionbirrai 2013
LE TECNICHE DI ABBINAMENTO E CENA DIDATTICA
@ Voltalcarta, via Assarotti, Genova

  • Extraomnes, Tripel (I)- tripel,
  • St. Bernardus, Abt 12 (BE) – quadrupel
  • Birra Busalla, Castagnasca (I) – spice ale
  • Aecht Schlenkerla, Märzen (D) – rauchbier
  • Montegioco, RurAle (I) – bitter
  • Cazeau, Saison (BE) – saison

Official hashtag #birrepapille

Autore

Giulio Nepi

44 anni, doppio papà, si occupa da aaaaanni di comunicazione web. Genovese all’anagrafe ma in realtà di solide origini senesi, ha sposato una fiamminga francese creando così un incasinato cortocircuito di tradizioni enogastronomiche

Leggi gli articoli correlati

Articoli correlati