In una recente chiacchierata in diretta che abbiamo fatto con alcuni produttori ed esperti di vino in Liguria, il Presidente dell’Enoteca Regionale della Liguria Marco Rezzano, vero e proprio Virgilio della nostra Regione per ciò che riguarda l’enomondo e non solo, ha spiegato perché oggi la Liguria gode di una posizione privilegiata rispetto a molte altre zone. Il momento è quello che è, purtroppo è così per tutti. Ma nel corso della diretta sono emersi spunti di riflessione e valutazioni che fanno guardare avanti con fiducia.

Per esempio, stai a vedere che la famigerata chiusura ligure non è poi così male quando si parla di vino. Ecco cosa dice Marco: “La reticenza al cambiamento poteva essere vista qualche anno fa come un elemento di debolezza, cioè la resistenza a far entrare nella regione vitigni “facili”, internazionali, quelli che si trovano a loro agio dappertutto. Questi vitigni sono entrati nella nostra regione solo marginalmente e oggi i produttori liguri, che hanno capito il valore del nostro territorio, si trovano a guidare una macchina che ha trasformato i suoi punti di debolezza in elementi di valore aggiunto straordinario. Avere dei vitigni tradizionali, che hanno secoli di storia e di cultura, e un territorio dalle condizioni uniche, fa sì che ci ritroviamo in una situazione favorevole, persino ambita. Qualche tempo fa confrontandomi con tecnici, enologi, agronomi, ma anche produttori di diverse parti d’Italia, è emerso che molti sceglierebbero la Liguria per impiantare un nuovo vigneto o avviare un’azienda”.

La ragione di questo appeal sta nella particolarità e unicità delle condizioni che si trovano in questa terra. E a questo si aggiunge un altro tema importante. Il compito dell’Enoteca Regionale Ligure è proprio quello di comunicare e far percepire tutto il valore che la Regione esprime: “la voglia da parte del consumatore di conoscere i nostri vini c’è, noi dobbiamo accompagnare i produttori verso i mercati più adatti per loro.”

Ma oggi è importante anche raccontare il lavoro che c’è dietro la bottiglia: “oggi noi abbiamo circa 150 aziende produttrici, ogni azienda ha delle persone che possono raccontare storie, una diversa dall’altra. In una zona sempre più vicina alle mete turistiche questo offre grandi opportunità”.

Se vuoi rivedere il video della diretta lo trovi su Facebook e Youtube.

CONDIVIDI
PapilleClandestine
Blog di panza e sostanza. Uni e trini, come quell'altro più famoso (per ora): con Alessandro Ricci, Daniele Miggino e Giulio Nepi. Si parla e si cazzeggia su minuzie gastropiacevoli quali cibo, vino, birra, mondo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here