Qualche tempo fa avevo lanciato l’idea di partecipare al concorso della tartina creativa indetto dai nostri amici francesi per la Festa della gastronomia. Così, piena di speranze, mi sono presentata alla corte di Douce per consegnare il mio cartoncino ricettoso. Lo hanno preso e messo in una scatolina insieme alle altre proposte, spero ci sia anche la tua là in mezzo! Vuoi la verità? Anche se non sono un asso a preparar tartine, ho partecipato per il premio, un corso di francese, utilissimo nel caso tornassi al mercatino delle pulci di Saint-Ouen; opportunamente francesizzata non correrei più il rischio di perdermi appena uscita dalla metro di Porte de Cligancourt e riuscirei a contrattare alla grande con uno dei famosi “vide-grenier” (letteralmente gli svuota tutto) che in questo mercatino trattano oggetti vintage davvero interessanti. Tipo quel meraviglioso cappotto oversize di Balmain, ma si tratta davvero di un’altra storia.

Torniamo al concorso e alla nostra tartina funghi e polpo: hai partecipato? Cosa hai proposto? Ti racconto in breve la mia ricetta, la cui base è una sorta di rösti rivisitato.

Ingredienti per 4 tartine

  • 500 gr patate rosse
  • 200 gr funghi porcini
  • 200 gr polpo bollito
  • Burro, cipolla, prezzemolo, olio EVO, sale e pepe q.b.

La ricetta

Lava, sbuccia e grattugia (non finemente) le patate a crudo. Realizza 4 tartine aiutandoti con un coppapasta del diametro di 6-8 cm e falle cuocere per 2 minuti per lato in una padella con poco olio. Poi incoperchia e prosegui la cottura per almeno 10 minuti.
In una pentola a parte fai cuocere i funghi tagliati a pezzetti non grandi con un po’ di burro e olio, aggiungi sale e pepe a piacere e un bel cucchiaio di prezzemolo tritato. Cuoci per 5 minuti e poi aggiungi il polpo (già lessato, e tagliato finemente).
Impiatta la tartina ben calda, aggiungi un filo d’olio, se ti piace.

CONDIVIDI
Lady Papilla, il tocco femminile che mancava a quei tre. Donna dai mille interessi e perennemente in movimento, scrive ricette e dispensa consigli per sopravvivere ai sentimenti e agli ormoni

1 OPINIONE

Comments are closed.