Osteria Tripperia il Magazzino, Firenze

da | Mag 9, 2012

Partiamo da un presupposto: andare a Firenze e non assaggiare il lampredotto è come andare nella cantina di Giuseppe Rinaldi e bersi un’acqua tonica (Capossela direbbe: “l’orrore! L’orrore!”).  Delittuoso privarsi del profondo piacere di assaggiare un bel panino col lampredotto da uno dei tanti lampredottai ambulanti (il buon Nepi consiglia quello di Sant’Ambrogio, in via de’ Macci, davanti al Cibreo). Ma se si vuole concedere alla mistica del quinto quarto più tempo (e più comodità), c’è da segnarsi un nome, e un indirizzo: Osteria Tripperia Il Magazzino, piazza della Passera.

La piazzetta è a poca distanza da Ponte Vecchio, eppure al riparo dalle orde di turisti. L’osteria è accogliente, semplice, ma non sciatta e ha il pregio di essere aperta anche la domenica sera. Il titolare, Luca Cai, è cortese anfitrione, e sa far viaggiar spedito il locale anche se affollato. Nel menu, trippa e lampredotto, lampredotto e trippa, con qualche piatto di soccorso,  nel caso si voglia sconfinare da omaso e abomaso.

sfoglia di meleSi può cominciare con le polpettine di lampredotto, o con i totani di bosco e pomodoro fresco, ovvero, trippa fritta accompagnata da una dadolata di pomodoro fresco (buona, anche se il pomodoro finisce per bagnare il fritto appesantendolo un poco). Di soccorso, ma non di ripiego, ecco lo sformatino di asparagi e pecorino. La Chitarra del trippaio (spaghetti alla chitarra con ragù di lampredotto) è piatto ricco, azzeccato; le linguine al pesto di baccelli e pecorino adeguata controscelta. Da provare anche i ravioli di lampredotto con cipolla di Tropea. E poi ancora, secondi che possono essere benissimo piatti unici, come la trippa alla fiorentina, o il lampredotto bollito. Discreto pure il tonno di coniglio e bruschette di verdure. In chiusura, cantucci e vin santo, o torte casalinghe. Cucina solida, di sostanza, a prezzi ragionevoli (trenta euro per quattro piatti, bevande escluse). Chianti nel bicchiere, ovviamente.

Osteria Tripperia Il Magazzino

Indirizzo: piazza della Passera, Firenze
Telefono: 055 215969

Autore

Alessandro Ricci

Sotto i 40 (anni), sopra i 90 (kg), 3 figlie da scarrozzare. Si occupa di enogastronomia su carta e web. Genoano all’anagrafe, nel sangue scorrono 7/10 di Liguria, 2/10 di Piemonte e 1/10 di Toscana. Ha nella barbera il suo vino prediletto e come ultima bevuta della vita un Hemingway da Bolla.

Leggi gli articoli correlati

Articoli correlati

Ristorante Capo Santa Chiara, Genova

Ristorante Capo Santa Chiara, Genova

Genova. Boccadasse. Spiaggetta di Boccadasse. Le case accoccolate come scogli colorati, il profilo della chiesa stagliato nel tramonto, il vociare della gente, i gozzi addormentati sulla rena. Una delle cartoline più belle di Genova. La posizione è talmente perfetta...

Iscriviti alla newsletter papilla