Le Baratin: siamo a Parigi, tendenza Bistrot

da | Dic 3, 2013

Belleville è uno dei molteplici volti di Parigi, e di certo non il più famoso.
Solitamente i turisti si fermano prima, sulla tomba di Jim Morrison nel cimitero monumentale di Père-Lachaise. Eppure Belleville, che ha dato i natali a Edith Piaf ed è stata raccontato da Daniel Pennac nel ciclo di Malaussène, ha il fascino grezzo dei quartieri popolari e mostra, come incrostazioni vitali, il passaggio di ondate immigratorie differenti che lo hanno trasformato in un mélange non privato del passato.

Belleville, siamo nel XX arrondissement, a est di Parigi, dapprima ha conosciuto l’immigrazione cinese, diventando il quartiere giallo della capitale francese;  poi, negli ultimi anni, ha avuto un forte influsso dai popoli nordafricani. Ma Belleville è anche una delle ultime frontiere della vita notturna parigina, che qui si riversa in boulevard e  rue; in locali, pub, ristò, bistrot, e in botteghe dove si può fumare il narghilè o sorseggiare un tè alla menta, o gastronomie cinesi dalle lampade smaglianti che smerciano improbabili (ai nostri occhi) specialità.

E se si vuole conoscere e carpire la tendenza bistrot che da Parigi sta conquistando il mondo, bisogna venirci per giungere a Le Baratin.
Ai fornelli non mani francesi, ma la sapienza di Raquel Carena, cuoca argentina dalla cucina potente e intensa. Qui si viene per i piatti di quinto quarto (metafisico il cervello burro e limone,  corroborante lo stufato di trippa e ceci) e per la carta dei vini tutta improntata ai vini naturali, maneggiata con competenza da Philippe Pinoteau, un po’ ruvido sulle prime, ma a conti fatti più essenziale che scortese.

All’interno, nella scatola magica di questo piccolo locale, atmosfera rilassata e ambiente estremamente semplice con pochi tavoli (è vitale la prenotazione), un bel bancone in legno, le due grandi lavagne con i piatti del giorno e i vini. Nel piatto: eccellenti carciofi al pepe in ragout di limone, memorabile agnello di Lozère al forno con patate e spinaci saltati e classicissima crema al cioccolato amaro.

Con 40-45 euro circa si prendono tre piatti.

Le Baratin
3, rue Jouye Rouve – tel. +33 143493970
MM Belleville o Pyrénees

 

Le Baratin, bistrot a Parigi

Autore

Alessandro Ricci

Sotto i 40 (anni), sopra i 90 (kg), 3 figlie da scarrozzare. Si occupa di enogastronomia su carta e web. Genoano all’anagrafe, nel sangue scorrono 7/10 di Liguria, 2/10 di Piemonte e 1/10 di Toscana. Ha nella barbera il suo vino prediletto e come ultima bevuta della vita un Hemingway da Bolla.

Leggi gli articoli correlati

Articoli correlati

Acquapazza, osteria del mare a… Carpi

Acquapazza, osteria del mare a… Carpi

Siamo in Emilia. Pianura, zanzare che cominciano a farsi sentire la sera. Neanche l’ombra di una collina, prati verdi a perdita d’occhio e canali e case isolate. Il regno della tigella, del Parmigiano, dell’aceto balsamico (quello vero, siamo in provincia di Modena)....