Ferragosto a Sassello

da | Ago 14, 2013

L’idea della Bandiera Arancione – quella che premia i borghi dell’entroterra più caratteristici e accoglienti – è nata dalla fantasia da un ligure, Paolo Badano, quando ricopriva il ruolo di sindaco del Sassello. E Sassello, tra Piemonte e Liguria, tra Monferrato e mare, incarna perfettamente il senso di quella bandiera arancione. Ci sono stato pochi giorni fa, nel sabato precedente ferragosto. E ho trovato un borgo indaffarato, con i turisti seduti ai dehors di bar accoglienti, i residenti in relax ai bordi delle strade, e pure gatti sonnecchiosi (e ben pasciuti) sdraiati oziosamente tra le pietre e le case. L’atmosfera che si respira attorno a Sassello è di una piccola Svizzera, stoppata nel correr del tempo agli anni ’50-’60. Nulla di malinconicamente decadente, però. Almeno, non è l’atmosfera in questi giorni d’agosto, dove tanti salgono dalla pianura e dalle città vicine in cerca di un po’ di frescura. E non solo.

Già, perché Sassello offre alcune soste golose da non perdere. Il vanto locale sono i celebri amaretti, proposti da molte pasticcerie e piccole (o medie) aziende locali. Noi abbiamo assaggiato quelli (buoni) di Giacobbe (tel. 019724860): classici e aromatizzati in una decina di gusti diversi (chinotto, frutte varie, cioccolato, rhum, cocco, caffè). Li abbiamo acquistati nel Bar Gina (via G.B. Badano, 38 – tel. 019724280), dove preparano un gelato artigianale invitante. Anche al gusto di amaretto, ovviamente.

Ma chi viene fino a qua, non si perda i salumi e la carne della Macelleria Salumeria Giacobbe (piazza Rolla, 7 – tel. 019724118). È spettacolare la testa in cassetta, proposta in tre versioni: classica, alle mele o agli agrumi. Ma non sono da meno la porchetta (delicata, speziata finemente), il salame crudo stagionato come si deve e molto equilibrato, il prosciutto cotto artigianale. Tutto di loro produzione, come anche carne salada, guanciale, speck. Qui si trova anche una bella selezione di formaggi piemontesi e italiani: dalle robiole di pura capra, al Castelmagno d’alpeggio, fino a salva cremasco, ragusano, provolone del monaco e taleggio di grotta. Questa è una vera boutique del gusto.

L’ultimo assaggio sono le birre del Birrificio El Issor (viale Rimembranza, 12 – cell. 3463916024). Sono otto: dissetante la bianca Bi-Se-Bar, aromatizzata con coriandolo e arance amare, equilibrata e beverina. Da provare anche la saison Citrus, brassata con orzo, frumento e farro, aromatizzata con il chinotto di Savona, che le conferisce note leggermente agrumate.

Autore

Alessandro Ricci

Sotto i 40 (anni), sopra i 90 (kg), 3 figlie da scarrozzare. Si occupa di enogastronomia su carta e web. Genoano all’anagrafe, nel sangue scorrono 7/10 di Liguria, 2/10 di Piemonte e 1/10 di Toscana. Ha nella barbera il suo vino prediletto e come ultima bevuta della vita un Hemingway da Bolla.

Leggi gli articoli correlati

Articoli correlati

Manuale di sopravvivenza per la Corsica

Manuale di sopravvivenza per la Corsica

Ho fatto la mia. Che si chiami karma, fato, stress, in ogni caso il risultato non cambia: sono andata nella ridente terra corsa senza alcun tipo di supporto 2.0 causa dimenticanza delle 5 del mattino. Yuccie, nerd o sfigata direte voi, aggiungendo che “si può stare...